La giusta luce ad ogni stanza #1

Nel mio lavoro come progettista/consulente per l’illuminazione mi capita spesso di dover aiutare dei privati nelle difficili scelte relative all’illuminazione dei vari ambienti della casa. Se in ambito illuminotecnico esistono delle precise e rigide prescrizioni normative da rispettare all’interno di luoghi pubblici, locali commerciali, uffici e aziende, non ci sono riferimenti assoluti validi per i requisiti da seguire per le nostre abitazioni.

Va da se però, che per evitare di commettere errori è opportuno affidarsi ad un professionista della luce, specialmente in fase di costruzione o ristrutturazione, quando è importante prevedere in anticipo il tipo di illuminazione che ci piacerebbe avere per prevedere le opportune predisposizioni strutturali.

Ho deciso di trattare l’argomento in modo più dettagliato, parlando separatamente dei vari ambienti domestici, e inizierei con la cucina, la regina della casa.

La cucina rappresenta lo spazio più “tecnico” di tutta la casa, ed è importante non sottovalutare la componente funzionale della luce in una zona molto utilizzata ma anche sollecitata dalla presenza di elementi come acqua e calore. Deve essere garantita una buona illuminazione generale senza zone d’ombra, e per fare ciò è bene ricorrere a una illuminazione diretta (dall’alto verso il basso) utilizzando sorgenti luminose da plafone o incassate a soffitto:

Il piano cottura deve essere ben illuminato in modo diretto per consentire le operazioni di pulizia e per evitare spiacevoli incidenti, ma quasi sempre le cappe di aspirazione poste sopra ai fornelli sono dotate di illuminazione integrata che assolve tale funzione.

Se la cucina è di tipo tradizionale con i pensili, è bene sfruttarli per posizionare l’illuminazione dedicata al piano di lavoro utilizzando apposite strisce a Led; con cucine dotate invece delle sole basi o con mensole a vista si possono utilizzare lampade a soffitto o faretti orientabili, facendo attenzione però al livello di abbagliamento!

Per i fortunati provvisti di isola o penisola, esistono in commercio infinite soluzioni in grado di coniugare l’aspetto estetico con quello funzionale. Io ADORO le sospensioni sopra al bancone!

Non bisogna dimenticare che la colorazione della luce è molto importante per l’effetto finale, ma soprattutto per le operazioni da svolgere in questo ambiente: la selezione dei cibi e la loro preparazione sarà più facile se si installeranno lampade con un indice di resa cromatica elevato (superiore a 80) e luce bianca neutra (4000 Kelvin): una luce più calda tenderà ad ingiallire mentre una più fredda virerà all’azzurro.

Buona luce a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *